closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp

Gigante inquieto in un campo di vettori dinamici

Nel 1921 Alexandre Rodchenko abbandona la pittura e la scultura. La riflessione razionale-costruttivista richiede un’ulteriore…

Arte moderna, una grotta preistorica

«Quando si svegliò, il dinosauro era ancora lì». Questa fulminante frase del fulminante scrittore guatemalteco…

Hammershøi, nevrastenia e vita silente

«Hammershøi è uno di quelli di cui non si deve parlare troppo precipitosamente. Il suo…

Arte sovietica, il tradimento dell’utopia concreta

«I filosofi hanno solo interpretato il mondo in modi diversi; si tratta ora di mutarlo».…

La stretta di mano di Roger Bissière

Non vado in un museo o a un’esposizione per vedere dei quadri ma per incontrare…

CAPC di Bordeaux, le collezioni in metodi d’azione

L’imponente navata centrale del CAPC (Centre d’Arts Plastiques Contemporains) di Bordeaux coniuga un’ascetica verticalità da…

Suprematismo, scuola di provincia

Nel novembre 1919 Kasimir Malévitch si lascia alle spalle Mosca, esacerbata dalla guerra civile, per…