closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Arcadie, mondanità e sarcasmi

Classici italiani. Nelle Edizioni della Normale è uscita una monumentale antologia dei Poeti latini del Cinquecento: ideata anni fa da Giovanni Parenti, è stata portata a termine con acribia da Massimo Danzi

Marco Dente, Morte di Laocoonte, incisione su rame, ca. 1510

Marco Dente, Morte di Laocoonte, incisione su rame, ca. 1510

«Meravigliò la gente d’Europa (…) il contagio mai visto prima in nessun luogo; ma il capitano, molte cose tra sé meditando nel silenzio del cuore: “Era questo – diceva – il morbo sconosciuto (distoglietene, o dèi, da noi l’evento!), che ci vaticinava la funesta profetessa di Febo”». Questo passo, che rischiamo di sentire familiare dopo la pandemia dei nostri anni, viene da un poema di Girolamo Fracastoro, una delle figure più innovative della cultura del Cinquecento, medico e scienziato aperto a interessi spirituali ma soprattutto elaboratore di osservazioni cliniche su quello che oggi chiameremmo epidemiologia, batteriologia, virologia. Il suo apporto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi