closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Approvata la legge di bilancio della redistribuzione al contrario

Sbilanciati. Alla Camera è passata ieri la manovra che premia i redditi medio-alti, incide poco su quelli bassi e esclude gli incapienti, opera una stretta punitiva contro i poveri del cosiddetto "reddito di cittadinanza". Il governo Draghi ha incassato due scioperi generali (scuola, 10 dicembre) e di Cgil e Uil (16), molte polemiche contro il monocameralismo di fatto. L'eredità di Draghi e della sua maggioranza Frankenstein in un provvedimento modesto che replica la vecchia politica della pioggia di bonus

La Camera ha approvato ieri in maniera definitiva, con 355 voti favorevoli e 45 contrari, una legge di bilancio da oltre 36 miliardi di euro che ha incassato due scioperi generali, uno della scuola (10 dicembre) e uno delle categorie rappresentate dalla Cgil e dalla Uil (16 dicembre). Insieme in sindacati hanno contestato sia l’assenza di provvedimenti significativi per aumentare i salari del personale scolastico (350 euro sotto la media Ocse) mentre si daranno miliardi alle imprese per costruire le infrastrutture con il Piano di ripresa e resilienza (Pnrr) sia l’idea di redistribuzione alla rovescia della riforma fiscale dell’Irpef che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.