closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Appalti facili»: arresti in Piemonte

Inchiesta. Misure cautelari tra Asl e ospedali

Quindici misure cautelari tra dipendenti Asl e degli ospedali, commissari di gara, agenti e rappresentati di aziende mediche. È bufera sulla sanità del Piemonte per l’inchiesta su un giro di «appalti facili» da 3,5 milioni di euro scoperto dalla guardia di finanza: cinque persone sono finite ai domiciliari. Pesanti le accuse a vario titolo: corruzione, turbativa d'asta e frode nelle pubbliche forniture. Nel mirino degli inquirenti sono finite tre gare bandite da Asl To4, Azienda ospedaliera Maggiore di Novara, Asl di Asti e di Alessandria e dall'Azienda ospedaliera di Alessandria. L’indagine è partita dalla scoperta di un ammanco di 300...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi