closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Anime in guerra, Takahata Isao

Film. Una tomba per le lucciole. Lo spettro della Seconda guerra mondiale, di Hiroshima e di Nagasaki nell’animazione giapponese

Si rivelano utili e fertili i cortocircuiti temporali della distribuzione cinematografica italiana, capace di recuperare dopo decenni opere capitali. Proprio in questi giorni possiamo gustare su grande schermo La tomba per le lucciole di Isao Takahata, prodotto dallo Studio Ghibli nel 1988 e approdato nelle nostre sale grazie alla Koch Media. Occasione senza dubbio irripetibile, nonché ottimo punto di (ri)partenza per tracciare un percorso attraverso quella produzione animata nipponica intimamente e intrinsecamente legata alla Seconda guerra mondiale, all’olocausto nucleare di Hiroshima e Nagasaki, alla difficile ricostruzione economica, sociale, politica e morale del dopoguerra. Figli della Guerra e della Bomba, Takahata,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi