closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Anche gli spiccioli generano filosofia

Saggi. Per John Searle i soldi non hanno valore in sé ma grazie alla intenzionalità del contesto sociale. Per Maurizio Ferraris, invece, la moneta è «un documento accessibile anche agli analfabeti»

Gli spiccioli che abbiamo in tasca costituiscono un oggetto filosofico. Sono protagonisti dei nostri comportamenti quotidiani, eppure denunciano un enigma antropologico. Come è possibile che qualche grammo di metallo sia in grado di condannarci alla fame o sottrarci all’inedia? Questo è l’interrogativo del quale discutono due tra i più noti filosofi contemporanei, John Searle e Maurizio Ferraris in Il denaro e i suoi inganni (Einaudi, pp. 126, euro 12,00) mettendo in scena un dibattito vivace in un volume agile e comprensibile anche ai non filosofi. Searle legge il denaro attraverso una delle sue nozioni cardine, la «funzione di status». Il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.