closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Amos in Wonderland», cento anni di sovversione

Cinema. L’omaggio dedicato a Vogel dal festival Punto de Vista, un viaggio intorno al suo «Film as a Subversive Art». Curato da Alex Horwath e Regina Schlagnitweit, fa dialogare la sua lezione con il presente

Nella prefazione all'edizione ristampata nel 2005, Amos Vogel scriveva che nonostante i cambiamenti avvenuti nel mondo dall'anno della prima pubblicazione, come la fine dell'Unione Sovietica o il dissolvimento della Jugoslavia, non trovava alcun motivo «per modificare o cambiare le tesi e le strutture messe a punto nell'originale». E a ragione, visto che il suo Film as a Subversive Art, uscito nel 1974, è diventato (e lo è tuttora) un testo formativo indispensabile per generazioni di studiosi, programmatori (o aspiranti tali), fabbricanti di festival, storici, curatori di cinema, e anzi i neomoralismi e gli algoritmi del «contenuto» che imperversano non solo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.