closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Alphaville e l’utopia del synthpop

Note sparse. Riedizione deluxe con materiali inediti e un dvd per «Forever Young», l'album del trio tedesco anni '80

Alphaville

Alphaville

Nella Germania Ovest dei primi anni ’80, in cui è ancora vivo il dibattito sull’adesione del pop autoctono ai canoni angloamericani, compare un ensemble che bagna tastiere e sequencer di romanticismo teutonico con grazia britannica. Gli Alphaville nascono a Münster nell’ambito di un collettivo di artisti multimediali dal credo socialista e utopico. Varie formazioni si creano e dissolvono prima che Marian Gold (canto), Bernard Lloyd (sequencer, drum machine, MIDI synchronizer) e Frank Mertens (tastiere) si stabilizzino come formazione definitiva. I 3 si dichiarano non-musicisti, ma le demo che realizzano valgono loro un contratto con la WEA. Big In Japan, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.