closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Almaviva Roma, il progetto di ricollocamento è un flop

La Vertenza Simbolo. A un anno dal via all’assegno «Ichino» soltanto 36 riassunti full time su 1.666 licenziati. La Cgil fa il punto: «A dicembre scadrà la Naspi e le persone saranno abbandonate»

I licenziati Almaviva protestano

I licenziati Almaviva protestano

Dal più grande licenziamento collettivo della storia recente è nato il primo esperimento di politiche attive basato sull’assegno di ricollocazione, lo strumento introdotto nel Jobs act e storica bandiera di Pietro Ichino. Un esperimento che diventerà il modello nazionale per volere dell’Anpal, la nuova agenzia per le politiche attive del lavoro. I 1.666 lavoratori Almaviva Roma mandati a casa il 27 dicembre del 2016 allo scadere della procedura di licenziamento collettivo sono stati «le cavie» di un nuovo modello: dal 26 maggio 2017 hanno avuto in media circa 3mila euro di assegno di ricollocazione spendibile dal lavoratore licenziato in un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.