closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

All’inferno (e ritorno)

Venezia 70. Il nuovo film di Sion Sono in gara nella sezione Orizzonti

Un frame tratto da Why Don't You Play in Hell? di Sion Sono

Un frame tratto da Why Don't You Play in Hell? di Sion Sono

Il nuovo film di Sion Sono era uno dei titoli attesi di Orizzonti. Attivo dall’inizio degli anni ottanta, Sion Sono è un cineasta a parte nel panorama giapponese di oggi, il suo eclettismo lo rende inassimilabile sia al gruppo di quelli noti in Europa come Takeshi Mike, Naomi Kawase e Takeshi Kitano sia a quello di autori più radicali e meno distribuiti come Shinji Aoyama. Ha avuto problemi a produrre alcuni suoi film, ma, per sua stessa ammissione, non si è fatto bloccare da un ideale di purezza e se la cava meglio di tanti altri. In effetti, è uno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi