closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Alla fine Manning chiese scusa

Wikileaks. Il soldato americano che passò i documenti sulla guerra in Iraq cerca clemenza

Bradley Manning, mercoledì, all’uscita dal tribunale.

Bradley Manning, mercoledì, all’uscita dal tribunale.

«Prima di tutto, vostro onore, vorrei cominciare con una richiesta di scuse. Chiedo scusa se le mie azioni hanno danneggiato qualcuno. Chiedo scusa se le mie azioni hanno danneggiato gli Stati Uniti». Con queste parole Bradley Manning, il giovane analista informatico dell’esercito statunitense, davanti alla corte marziale per aver passato documenti riservati a Wikileaks, si è rivolto mercoledì per circa tre minuti alla giudice nell’ultima udienza prima della sentenza. Al contrario della sua ultima dichiarazione a febbraio, in cui aveva rivendicato, con garbo e fermezza, la bontà delle sue intenzioni, stavolta Manning ha assunto un tono dimesso. «Capivo quello che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.