closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Alitalia non sa come rilanciarsi

Senza strategia. Confermato lo sciopero del 23 febbraio. Dal governo fanno capire che Roma non è disposta a concedere altri ammortizzatori sociali

La conferma dello sciopero Alitalia per il prossimo 23 febbraio fissa anche la dead line del nuovo piano industriale, che dovrà essere «articolato e chiaro» (parole del ministro Calenda), e soprattutto non dovrà ricadere per l’ennesima volta sulle spalle degli attuali 11mila addetti dell’ex compagnia di bandiera. Lavoratori già sopravvissuti negli ultimi anni a due pesanti “riorganizzazioni” che hanno portato via migliaia di loro colleghi, e che ora pare non intendano accettare nuovi tagli, che alcune indiscrezioni quantificano in altri 1.600 addetti «in esubero». Come accaduto nelle altre situazioni di crisi, quello che sembra mancare all’azienda è una strategia adeguata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi