closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Alitalia non sa come rilanciarsi

Senza strategia. Confermato lo sciopero del 23 febbraio. Dal governo fanno capire che Roma non è disposta a concedere altri ammortizzatori sociali

La conferma dello sciopero Alitalia per il prossimo 23 febbraio fissa anche la dead line del nuovo piano industriale, che dovrà essere «articolato e chiaro» (parole del ministro Calenda), e soprattutto non dovrà ricadere per l’ennesima volta sulle spalle degli attuali 11mila addetti dell’ex compagnia di bandiera. Lavoratori già sopravvissuti negli ultimi anni a due pesanti “riorganizzazioni” che hanno portato via migliaia di loro colleghi, e che ora pare non intendano accettare nuovi tagli, che alcune indiscrezioni quantificano in altri 1.600 addetti «in esubero». Come accaduto nelle altre situazioni di crisi, quello che sembra mancare all’azienda è una strategia adeguata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.