closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Aleppo, tregua parziale fino a lunedì. Mosul resiste all’Isis

Medio Oriente. L’Onu annuncia l’estensione del cessate il fuoco ma l’ex al-Nusra minaccia battaglia. In Iraq il “califfato” rischia di perdere milioni di dollari

Il cessate il fuoco parziale annunciato lunedì da Mosca e Damasco è stato esteso ieri, dice l’Onu: Siria e Russia hanno accettato di allungare di 4 giorni la finestra di 11 ore di stop ai raid. La notizia è stata ben accolta dal Palazzo di Vetro che spera di poter avviare l’evacuazione dei feriti dai quartieri orientali e la consegna degli aiuti durante le ore diurne. La reazione delle opposizioni non è però positiva: i “ribelli” hanno rigettato la tregua parziale, mentre Jabhat Fatah al-Sham (l’ex al-Nusra) annuncia «una nuova battaglia che sorprenderà il regime». Damasco ha aperto otto corridoi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi