closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Agcom, l’anno orribile per Tlc, editoria e pubblicità

Comunicazione. 2013: nell'editoria persi 700 milioni. Federconsumatori e Adusbef: definire la rete italiana "arretrata è quasi un complimento". Critiche a Angelo Cardani, il garante per le comunicazioni, da Giulietti (Articolo 21) e dall'ex sottosegrtario Vincenzo Vita: "La relazione annuale non si occupa del conflitto d'interessi"

Fatturati in picchiata nel settore della comunicazione in Italia nel 2013. Il settore che comprende le telecomunicazioni, le radio e le televisioni, le poste, l’editoria e internet i ricavi sono scesi a 56,1 miliardi, meno 9 per cento rispetto al 2012. Lo ha rilevato l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) nella relazione annuale presentata ieri in Parlamento dal presidente Angelo Cardani. A pesare su questo bilancio pesante è stato il calo dei prezzi, crollato del 44% nell’ultimo quindicennio. L’editoria versa in una crisi drammatica. Nel 2013 ha perso quasi 700 milioni di ricavi, mentre il fatturato dei quotidiani è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi