closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Aereo schiantato: per Londra «è una bomba», ma Mosca nega

Sinai. Anche Easyjet annulla i voli da Milano a Sharm

Lo schianto dell’Airbus 321 della compagnia russa Metrojet nel Sinai ha assunto le proporzioni dell’intrigo internazionale con riflessi nella politica interna egiziana. Se lo Stato islamico davvero è stato capace di raggirare la sicurezza dell’aeroporto turistico di Sharm, tra i più frequentati del Medio oriente, e piazzare una valigetta a bordo del volo russo vuol dire che le autorità egiziane controllano davvero ben poco del territorio nazionale. Non solo, Isis avrebbe assunto le connotazioni di uno stato che riesce, almeno in parte della Siria, dell’Iraq e nel Sinai, addirittura a controllare il traffico aereo. Questo spiega perché gli egiziani ci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi