closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Adriano Prosperi, il nostro futuro precipitato nell’addio al passato

Derive culturali. Nel suo ultimo saggio, Prosperi evidenzia le conseguenze della divaricazione tra il concetto tedesco di nazione, ancorato allo ius sanguinis, e quello francese legato allo ius soli: «Un tempo senza storia», Einaudi

Rossella Biscotti, «Le teste in oggetto»

Rossella Biscotti, «Le teste in oggetto»

Il Novecento è ormai divenuto un tempo remoto, antico, distante. In un’epoca soggetta a imponenti accelerazioni, è come se il passato si allontanasse sullo sfondo e uscisse malinconicamente di scena, lasciando il campo a un indefinito presente, ovvero a quella tendenza che François Hartog ha chiamato «presentismo». Di fronte alle novità di un cambiamento segnato da quella rivoluzione digitale che ha ridisegnato completamente il nostro orizzonte, la storia sembra una disciplina superflua. Da un artigianato faticoso e costoso che riservava a pochi addetti il privilegio del sapere, si è passati alla messa a disposizione informatica di infiniti materiali non gerarchizzati....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi