closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

“Addio Maria, ma ora basta morti alla Fiat”

Pomigliano. Il suicidio di una cassintegrata. Nel 2011 due suoi colleghi si erano tolti la vita: per loro la lavoratrice aveva scritto su un blog

I colleghi della fabbrica Fiat Giambattista Vico, i compagni dello Slai Cobas e le compagne del comitato «Mogli degli operai di Pomigliano» affollavano ieri mattina la chiesa della Beata Vergine di Lourdes a Ponticelli, dove si svolgeva il funerale di Maria Baratto. Assunta dal 1989 al montaggio, si è suicidata come altri operai campani del Lingotto. L’ultimo in ordine di tempo il 5 febbraio, quando si impiccò nella sua abitazione Giuseppe De Crescenzo, anche lui come Maria era stato spedito al reparto confino di Nola. Il Wcl sarebbe dovuto diventare il polo di eccellenza della logistica all’interno dell’Interporto ma dal...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.