closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Adam Zagajewski e il tradimento di un mondo storto

Il ritratto. Scompare all’età di 75 anni il poeta e scrittore polacco più volte candidato al Nobel per la letteratura. L’esperienza dello sradicamento fu centrale nella sua biografia come nella sua opera

Adam Zagajewski

Adam Zagajewski

Di fronte all’irreparabilità del distacco sancito dalla morte assume una risonanza malinconica la frase di Emmanuel Lévinas che Adam Zagajewski ha posto a esergo di quella che s’è rivelata la sua ultima raccolta, Prawdziwe zycie: «La vita vera è altrove, ma noi siamo qui». Un’affermazione che il poeta scomparso domenica a Cracovia interpretava ironicamente alla luce del socratico «sapere di non sapere»: nei suoi tratti positivi la «vita vera» ci sfugge, eppure la flagrante insufficienza dell’hic et nunc è di per sé prova che una dimensione autentica deve pur esistere. IL MIRAGGIO di un eutopos lucidamente riconosciuto come irraggiungibile, ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi