closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Acqua pubblica in piazza

La mobilitazione. A dieci anni dal vittorioso referendum, la protesta del movimento per i beni comuni contro la privatizzazione

La festa per la vittoria del referendum dell’acqua dieci anni fa

La festa per la vittoria del referendum dell’acqua dieci anni fa

«Sì all’acqua pubblica, no al nucleare». Le due rivendicazioni, una accanto all’altra, fanno tornare alla mente la primavera di dieci anni fa, quando tra il 12 e il 13 giugno oltre 27 milioni di italiani si recarono alle urne per apporre una X su quattro quesiti referendari. Quelli su servizi pubblici locali e legittimo impedimento furono meno sentiti dei due che trainarono la corsa vincente al quorum (54%) e all’affermazione quasi unanime dei Sì (94%): acqua e nucleare. «Indietro non si torna» è l’affermazione aggiunta per la mobilitazione odierna, dalle 15.30 in piazza dell’Esquilino (Roma). Non un appuntamento di amarcord,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi