closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Accordo Ue-Kabul: aiuti in cambio di rimpatri forzati

Afghanistan. La Conferenza di Bruxelles promette 4 miliardi di dollari l’anno sino al 2020 ma li vincola al ritorno degli afgani indesiderati. E nella capitale si prevede un nuovo scalo solo per loro

Marcia di protesta dei rifugiati afgani ad Atene

Marcia di protesta dei rifugiati afgani ad Atene

Dalla Conferenza di Bruxelles sull’Afghanistan, dopo le buone notizie arriva la doccia fredda. E se la borsa è piena per circa 4 miliardi di dollari l’anno sino al 2020 che consentiranno al malridotto governo di Ashraf Ghani di tirare il fiato, gli aiuti sono stati condizionati all’accettazione di un piano segreto che riguarda i migranti afgani costato sei mesi di trattative. Si chiama Joint Way Forward e se n’era parlato già mesi fa quando un memo segreto della Ue aveva delineato una strategia per il rimpatrio di almeno 80mila afgani. Della cosa però non si era più saputo nulla e,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi