closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Abortire in Irlanda, decide ancora la Chiesa

L’80% dei cittadini è favorevole a un referendum per l’abrogazione dell’Ottavo Emendamento, che equipara il diritto alla vita del feto e della madre, ma le gerarchie religiose, anche protestanti, lanciano l'anatema e la politica non ha il coraggio di muoversi

L’Irlanda che non ti aspetti è quella di un giorno di primavera in cui, per la prima volta nella storia, un paese si reca compatto alle urne per sancire il diritto al matrimonio delle coppie omosessuali. Ma ciò che stupì la comunità internazionale il 22 maggio 2015, ancor più della percentuale dei Sì (oltre il 62%), fu il mancato stupore degli autoctoni di fronte a un tale esito. Chi tradì un qualche sconcerto fu invece il Vaticano, il cui segretario di Stato, Pietro Parolin, scoccò strali avvelenati contro il referendum definendolo «una sconfitta per l’umanità». Ma i tempi erano cambiati,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.