closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

A Pisa il processo Scieri, sotto accusa anche il generale Celentano

Nonnismo omicida. La Cassazione risolve il conflitto di giurisdizione fra la magistratura ordinaria e quella militare, permettendo al tribunale ordinario di procedere, con il rito abbreviato, contro tre ex parà imputati di omicidio volontario, e anche contro l'ex comandante generale della Folgore e un altro ufficiale, che avrebbero coperto i responsabili della tragedia nella caserma Gamerra.

Emanuele Scieri

Emanuele Scieri

Sarà il Tribunale di Pisa a processare i cinque imputati che a vario titolo devono rispondere della morte di Emanuele Scieri, il giovane parà di leva della Brigata Folgore ucciso nella caserma Gamerra di Pisa il 13 agosto 1999, nel corso di un atto di nonnismo, e il cui corpo fu “ritrovato” incredibilmente a distanza di tre giorni. E' stata la Cassazione a decidere il conflitto di giurisdizione fra la magistratura ordinaria e quella militare, dopo che le nuove indagini per l'omicidio di Scieri si erano svolte su un doppio binario - civile e militare - a seguito dei risultati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi