closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

A Piacenza attacco al diritto di sciopero e ai lavoratori migranti

L'Appello. Gravissimo il procedimento penale contro 29 sindacalisti dopo la vertenza Tnt. L’impostazione accusatoria non ha retto al controllo del riesame che ha annullato pressoché in toto i provvedimenti cautelari

Una manifestazione del Si Cobas a Piacenza per la liberazione dei sindacalisti arrestati

Una manifestazione del Si Cobas a Piacenza per la liberazione dei sindacalisti arrestati

Il 28 gennaio scorso a Piacenza i lavoratori della Tnt (appena incorporata dalla multinazionale della logistica FedEx) sono scesi in sciopero per opporsi ai licenziamenti preannunciati dall’azienda in tutta Europa. Lo sciopero, indetto dal Si Cobas e durato 13 giorni, si è concluso con un accordo sindacale siglato in prefettura il 9 febbraio. La vertenza – un normale seppur aspro scontro sindacale – ha avuto dei seguiti repressivi di estrema gravità, già preannunciati, il 1° febbraio, da un intervento brutale delle forze dell’ordine che, per sciogliere un “assembramento” di lavoratori, hanno fatto uso di gas lacrimogeni. Dopo lo sciopero e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi