closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

A Kabul la storia scorre giù dalla collina

Arte. Il politicissimo artista Francis Alÿs approda al Madre Napoli con una grande mostra, visitabile fino al 22 settembre

Dal video «Reel Unreel» di Francis Alÿs

Dal video «Reel Unreel» di Francis Alÿs

Il museo Madre di Napoli, con la neo-direzione di Andrea Viliani, apre la stagione estiva con la bellissima antologica del magnetico Francis Alÿs, Reel-Unreel, Afghan Project 2010-2014 (visitabile fino al 22 settembre). Francis de Smedt in arte Francis Alÿs (Anversa, 1959) è un artista di intensità creativa e intellettiva non convenzionale. Segue un percorso indagativo psicogeografico attraverso cui ripensa gli inganni della società post-capitalistica e i suoi meccanismi per dominare con il «dis/ordine» mondiale. Alÿs, col suo fare immaginifico, attraversa quei territori psichici e geografici che delimitano la dimensione post-coloniale: la modernità, in fondo, ha disilluso ogni aspettativa ditrasformazione socio-politica....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi