closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«A Ghat investigatori italiani lasciati senza benzina e jeep»

Rapiti in Libia. La Farnesina non conferma e non smentisce i problemi tecnici né che gli uomini dell’intelligence si stiano spostando

Il generale libico Khalifa Haftar

Il generale libico Khalifa Haftar

Sono cinque gli «investigatori» appena arrivati nell’oasi di Ghat, nel Fezzan libico, per cercare di intessere i nodi che portino alla liberazione dei tre tecnici della ditta Conicos di Mondovì, due italiani e un canadese, rapiti lunedì scorso mentre si recavano al lavoro sulla strada tra Ghat e Tahala. Ma secondo il sito arabo Al Wasat sarebbero già in procinto di lasciare la zona. Non perché abbiano trovato una traccia che li conduce altrove ma perché impossibilitati a condurre le indagini per la scarsità dei mezzi a loro disposizione, in particolare per la mancanza di benzina e di Jeep. Per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi