closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

A Buenos Aires i fantasmi borghesi tornano dal passato

Noir. «La morte arriva in ascensore» di María Angélica Bosco tradotto per la prima volta e pubblicato da Rina edizioni. Un «classico» del 1955 uscito nella collana diretta da Borges e Bioy Casares

Cartolina vintage di Avenida de Mayo, Buenos Aires

Cartolina vintage di Avenida de Mayo, Buenos Aires

«Questa gente è ossessionata dal passato. Si sente nell’aria qui dentro». Come annota mentalmente il più giovane e impulsivo di una squadra di investigatori, commissari e ispettori che presidia senza sosta la scena del crimine, i fantasmi di ciò che è stato e si vorrebbe dimenticare, l’eco sinuoso di segreti inconfessabili e di ancor più torbide verità, tutto ciò si è steso come un manto ad avvolgere il più classico dei delitti della camera chiusa. Solo che in questo caso il luogo che nello spazio di pochi giorni ha fatto da sfondo ad una serie di morti misteriose - forse...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi