closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

4 giugno 1989, in Polonia il voto che incoronò Mazowiecki

Anniversario. Le elezioni che accellerarono l'ingresso del paese nel libero mercato

Walesa nel 1989

Walesa nel 1989

Venticinque anni fa, il 4 giugno del 1989, la Polonia andava alle urne. Elezioni politiche. Il voto sancì la fine della stagione del socialismo realizzato e l’inizio di quella democratica. Una tornata storicamente decisiva, dunque. Ma tecnicamente anomala. Il voto fu libero, senza esserlo del tutto. Metteva in palio cento seggi su cento al Senato. Tuttavia al Sejm, la camera bassa, il 65% degli scranni fu riservato d’ufficio al Partito operaio unificato polacco (Pzpr) e alle sue formazioni satelliti. Il carattere spurio di quelle elezioni era il frutto degli accordi scaturiti due mesi prima al termine della Tavola rotonda, durante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi