closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

«1450 lavoratori di Airitaly prime vittime della fine del blocco dei licenziamenti»

Il caso. Dopo il primo luglio. La denuncia dei sindacati in un'audizione alla Camera: «La cassa integrazione va prorogata, trovare una prospettiva industriale»

I 1450 lavoratori di AirItaly possono essere le prime vittime dello sblocco dei licenziamenti dopo la pandemia. Potrebbe accadere già all’indomani del prossimo 30 giugno. L’allarme è stato lanciato ieridai sindacati nel corso di un’audizione alla Camera sulla crisi profonda in cui si trova la compagnia aerea. Sono «1450 famiglie che il 30 giugno rischiano di perdere ogni certezza, oltre al posto di lavoro anche le integrazioni previste dalla norme» ha detto Fabrizio Cuscito di Cgil-Filt che ha criticato il ministero dei trasporti che «ci ha convocati il giorno stesso e le commissioni due giorni prima che crolli il mondo....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.