closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Zuma si dimette, anzi no. Nell’Anc è psicodramma

Sudafrica. La resa sembra «questione di ore» e il rand s’impenna. Ma al termine dell'ennesima riunione fiume del Comitato esecutivo nazionale arriva la smentita. Il presidente resiste a oltranza

Jacob Zuma

Jacob Zuma

Una sola notizia davvero degna di questo nome è giunta ieri dal Sudafrica: non le pluri-annunciate dimissioni del presidente Jacob Zuma, che alla fine neanche ieri ci sono state, ma il ritrovamento dei (pochi) resti di un bracconiere accanto a un fucile carico, nei pressi del Kruger Park, sul luogo in cui si pensa che il malcapitato sia stato sbranato dai leoni a cui stava dando la caccia. FATTE LE DEBITE PROPORZIONI, anche Zuma è diventato una sorta di "preda nazionale", da predatore che era, man mano che si accumulavano accuse di corruzione, tribolazioni politiche e da ultimo la perdita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.