closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Zingari scendete», la capotreno imbarazza Trenord

Sul regionale Milano-Cremona. Il messaggio razzista, diffuso dagli altoparlanti del convoglio, è stato denunciato da alcuni passeggeri. L'azienda ferroviaria lombarda prenderà provvedimenti contro la responsabile, Salvini invece si schiera al suo fianco

«I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori e agli zingari. Scendete alla prossima fermata perché avete rotto i coglioni» è stato questo il messaggio dall’inequivocabile contenuto razzista diffuso martedì 7, intorno alle 13, dagli altoparlanti del convoglio Trenord Milano-Cremona. Non per colpa di una manomissione del sistema, come inizialmente sostenuto dall’azienda di trasporti, ma per decisione della capotreno: dimenticandosi del suo ruolo di pubblico ufficiale infatti, è stata lei a pronunciare le odiose parole. Ci hanno pensato alcuni passeggeri del convoglio a denunciare quanto successo agli uffici di Trenord e sui social network. «Ho sentito questa voce...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.