closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Zehra Dogan, fumetti dal carcere

Incontri. In una graphic novel «Prigione N. 5» l’odissea dell’artista, attivista e giornalista curda

Zehra Dogan

Zehra Dogan

Due anni, nove mesi e ventidue giorni di reclusione. Il prezzo da pagare per un Tweet sotto il regime «democratico» di Tayyip Erdogan. Ma anche l’occasione per raccontare la vita nelle galere turche. Zehra Dogan l’ha fatto nel suo Prigione N. 5, romanzo grafico edito da BeccoGiallo che alza l’asticella del «graphic journalism» oltre ogni portata attraverso la sua prospettiva unica. Dogan, però, minimizza: «M’interessano tutte le tecniche artistiche e di volta in volta scelgo il mezzo più consono al momento e alle mie capacità. Ma non riesco a pensare a me stessa come a un’autrice di romanzi grafici. Ho...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi