closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Zehra Dogan, fumetti dal carcere

Incontri. In una graphic novel «Prigione N. 5» l’odissea dell’artista, attivista e giornalista curda

Zehra Dogan

Zehra Dogan

Due anni, nove mesi e ventidue giorni di reclusione. Il prezzo da pagare per un Tweet sotto il regime «democratico» di Tayyip Erdogan. Ma anche l’occasione per raccontare la vita nelle galere turche. Zehra Dogan l’ha fatto nel suo Prigione N. 5, romanzo grafico edito da BeccoGiallo che alza l’asticella del «graphic journalism» oltre ogni portata attraverso la sua prospettiva unica. Dogan, però, minimizza: «M’interessano tutte le tecniche artistiche e di volta in volta scelgo il mezzo più consono al momento e alle mie capacità. Ma non riesco a pensare a me stessa come a un’autrice di romanzi grafici. Ho...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.