closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Zanchini: «Senza confronto si rischia un provvedimento sulle semplificazioni inadeguato»

Intervista. Periferie, abusi edilizi, bonifiche... Il vicepresidente di Legambiente segnala le falle di un testo deciso tutto nei ministeri

«Come al solito siamo davanti a un decreto Semplificazioni che esce fuori dai ministeri senza che ci sia stato un confronto con l’esterno, così non si va da nessuna parte». Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente, studia le carte che gli sono arrivate quando ormai il traguardo del consiglio dei ministri è imminente e i margini di manovra sono strettissimi. Su diversi punti lo scetticismo è evidente, ma il problema vero, almeno per l’associazione ambientalista, è che il governo non ha voluto ascoltare nessuno ed è andato dritto per la sua strada. Zanchini, e ora che succede? Ora abbiamo sessanta giorni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi