closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Yemen, indagati due direttori di Uama

Armi. La Procura di Roma iscrive nel registro degli indagati per abuso d'ufficio due direttori dell'autorità del governo che autorizza la vendita di armi all'estero. Intanto in Yemen la tensione non cala: missili Houthi sull'Aramco a Gedda

Macerie yemenite

Macerie yemenite

Dopo la decisione della gip Roberto Conforti, del 24 febbraio scorso, di non archiviare le indagini sull’azienda Rwm e l’Uama (l’Autorità nazionale per l’esportazione di armamenti) in merito alla strage dell’ottobre 2016 - una famiglia di sei persone uccisa nel villaggio di Deir Al-Hajari - commessa in Yemen dall’Arabia saudita, ieri la Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati per abuso di ufficio di due direttori generali pro-tempore di Uama. Il procedimento era stato avviato a seguito della denuncia presentata da tre associazioni, Ecchr, Rete italiana Pace e Disarmo e la yemenita Mwatana, che chiedevano di indagare dopo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi