closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

La musica al di là del senso

Grandi interpreti. Non sbarazzandosi delle convenzioni ereditate bensì esaltandole, Beethoven potenzia la sua forza espressiva: questa la tesi del musicologo americano nel nuovo capitolo del suo «Lo stile classico»

Tutto cominciò dalla copertina di un disco. Nel 1960 Charles Rosen aveva registrato varie musiche di Chopin, ma era rimasto infastidito dalle note di accompagnamento che avrebbero dovuto comparire sulla busta. Lo stile della critica musicale di allora infatti era dominato da un’estetica di stampo idealistico, in cui abbondavano le allegorie poetiche e le espressioni insulse come «l’inebriante e sconvolgente profumo dei fiori», usata dall’incauto estensore delle note per descrivere il Notturno in si bemolle maggiore op. 62 n.1, uno degli ultimi scritti da Chopin, alla vigilia della penosa rottura con George Sand. Rosen gettò alle ortiche la copertina e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.