closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Xong, la fotografia come musica per dare ritmo all’immagine

Immaginari. Il progetto della realtà bolognese Xing che unisce arti performative e una nuova etichetta discografica

Jacopo Benassi e Marco Mazzoni

Jacopo Benassi e Marco Mazzoni

Una nuova etichetta discografica per «espandere» la scena fisica e non semplicemente per documentarla. È questa la scommessa di Xong, il nuovo progetto della realtà bolognese Xing attiva nel campo delle arti performative a cui si deve l’organizzazione di eventi e rassegne come Live Arts Week. Alcune scelte forti caratterizzano la proposta: il rifiuto del digitale e i vinili come unico supporto, la stampa di sole edizioni limitate che li rendono «dischi d’artista» distribuiti sia nel circuito della musica sperimentale tramite Soundohm, sia nel mondo del collezionismo di oggetti d’arte grazie a Flash Art. «Abbiamo sempre attraversato i campi del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi