closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Westworld, la Frontiera filosofica e il videogame

Televisione. Il 3 ottobre debutta la serie Hbo, in Italia su Sky, ispirata al film del 1973 di Michael Crichton. Prodotta da J. J. Abrams, regia di Jonathan Nolan un ambizioso ibrido di western e tecnologia

Fare un western è il sogno di quasi tutti i registi americani. Ogni scusa è buona per provarci. A quella per la Grande Frontiera, J.J. Abrams ha aggiunto la sua passione per un film «di culto», scritto e diretto nel 1973 da Michael Crichton (è la sua unica regia), Westworld, che ha lasciato indelebile nella mente di milioni di cinefili, l’immagine di un Yul Brynner pistolero, vestito di nero, gli occhi argentati, fissi fissi, e il volto semidecomposto dall’acido. Da quell’ibrido di western e sci-fi, è nata l’ultima serie HBO, Westworld appunto, che Abrams (produttore) ha messo nelle mani di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi