closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Ai Weiwei, caso diplomatico in Inghilterra

Polemiche. La Gran Bretagna accusa l'artista cinese di aver mentito sulla sua richiesta per il visto di sei mesi e ne concede uno di soli venti giorni

Evidentemente, Ai Weiwei è ospite piuttosto indesiderato anche in Europa. In Gran Bretagna, soprattutto. Nonostante gli inglesi si apprestino ad allestire una grande mostra alla Royal Academy of Arts di Londra in omaggio alla carriera di questo designer e architetto cinese (prevista per settembre), qualcosa nei rapporti con l’artista è andato storto. Le autorità britanniche lo hanno infatti accusato di aver mentito nella compilazione dei documenti necessari per il visto di sei mesi: Ai Weiwei avrebbe dichiarato di non aver mai subito condanne penali e la sua richiesta è stata respinta al mittente. Il visto d’entrata nel paese ci sarà,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.