closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Walter De Benedetto non è solo

Cannabis terapeutica. Martedì prossimo 27 aprile l'uomo affetto da artrite reumatoide comparirà davanti a un giudice rischiando fino a sei anni di carcere per aver coltivato la marijuana di cui aveva bisogno e che non riusciva a ottenere regolarmente.

Walter De Benedetto, malato di artrite reumatoide, sotto processo per coltivazione di cannabis terapeutica

Walter De Benedetto, malato di artrite reumatoide, sotto processo per coltivazione di cannabis terapeutica

Era il 28 aprile del 2007 quando con il Decreto Turco si riconobbe in Italia l’efficacia terapeutica del Thc, il principio attivo più importante della cannabis, per il trattamento del dolore cronico. Esattamente quattordici anni dopo, Il suo caso è tra i più conosciuti ma non è l’unico: da quando la cannabis terapeutica è legale migliaia di pazienti si sono scontrati con l’impossibilità di vedere il loro diritto alla salute rispettato. Chi s’interessa di questi temi, come l’Associazione Luca Coscioni e Meglio Legale, ogni giorno ascolta storie simili a quella di Walter, storie alle quali le nostre istituzioni devono rispondere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.