closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Voucheristi a 500 euro all’anno, la paga da fame dei nuovi precari

Quinto Stato. I dati choc dell’Inps: due ticket su tre venduti a Nord: in testa Lombardia, Veneto e Emilia Romagna

Roma

Roma

La giornalista americana Barbara Ehrenreich scrisse alla metà degli anni Novanta il memorabile reportage «Una paga da fame» sui bassi salari negli Stati Uniti, un’inchiesta che ha anticipato il futuro del lavoro. Quel futuro è ormai il presente in Italia. L’Osservatorio sul lavoro accessorio dell’Inps ha confermato ieri la condizione reale in cui versa il popolo dei voucher, l’avanguardia rappresentata da 1 milione e 380 mila persone che vivono con i «buoni lavoro» da 10 euro all’ora (2,50 vanno all’Inps). Il resto del tempo lo passano dal lavoro nero alla partita Iva al contratto a termine alla disoccupazione. Un segmento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi