closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Volkswagen, rotola la prima testa

Germania. Emissioni truccate, costretto a dimettersi il potentissimo amministratore delegato Martin Winterkorn. E ora trema il fronte politico. Inoltre si teme che lo scandalo esploso negli Usa affossi l’intera economia tedesca. La casa automobilistica vale da sola il 3% del pil

Martin Winterkorn con Angela Merkel

Martin Winterkorn con Angela Merkel

Il numero uno della Volkswagen si è dimesso. Nel pomeriggio di ieri è giunta la notizia che tutti attendevano: il potentissimo Martin Winterkorn si arrende e cede lo scettro della più importante azienda automobilistica d’Europa e – stando alle vendite del primo semestre 2015 – del mondo. La presidenza del consiglio di sorveglianza (Aufischtsrat) dell’impresa, riunitasi ieri a Wolfsburg, ha chiesto la sua testa, ottenendola dopo ore di discussione: l’amministratore delegato, infatti, era entrato in riunione convinto di poter restare al proprio posto. Da Berlino non arrivavano segnali esplicitamente negativi, e Winterkorn sperava di poter vincere l’ostilità del governatore della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.