closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Vittorio Boarini, Bologna Cultura Cinema

Il lutto. Docente universitario, amministratore comunale, a capo della Fondazione Fellini, e il grande capolavoro: la Cineteca. Se ne va un protagonista della cultura bolognese del Novecento

La scomparsa improvvisa ed inaspettata il 29 ottobre scorso di Vittorio Boarini lascia un vuoto enorme a Bologna, dov’era nato 86 anni fa, ancora pochi giorni e l’11 novembre li avrebbe compiuti, e aveva vissuto tutta la sua carriera di critico cinematografico e operatore culturale. Ma ne lascia ancora uno più grande nella cultura italiana del secondo ‘900. Come egli stesso rammenta in uno scritto biografico i suoi inizi a leggerli sono rutilanti ed impensabili per un giovane d’oggi: «Mi sono laureato in Scienze Politiche, all’Università Cesare Alfieri di Firenze, nel 1961, e subito ho assunto la direzione del settore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.