closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Cultura

Vite sessuate dietro le sbarre

Saggi. «Recluse» di Susanna Ronconi e Grazia Zuffa per Ediesse Edizioni. Un'inchiesta sulle donne detenute. Le carceri come un’istituzione tesa a «naturalizzare» la condizione di genere

Detenuta nel carcere di Pesaro

Detenuta nel carcere di Pesaro

«Come potrebbe la prigione non essere la pena per eccellenza in una società in cui la libertà è un bene che appartiene a tutti e al quale ciascuno è legato da un sentimento universale e costante?», si domanda Michel Foucault in Sorvegliare e punire. Dalla sua origine, tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo, l’istituzione carceraria viene pensata innanzitutto come castigo «egualitario». Questa storica vocazione del carcere all’«eguaglianza» viene analizzata da Susanna Ronconi e Grazia Zuffa nel libro Recluse. Lo sguardo della differenza femminile sul carcere (Ediesse Edizioni, pp. 315, 16 euro. Il libro è stato presentato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi