closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Vite indegne di essere vissute

Infanzie spezzate. «I prescelti» dello scrittore svedese Steve Sem-Sandberg, per Marsilio. Un romanzo documentario che narra il programma nazista di eugenetica applicato a piccoli pazienti - zingari, disabili, orfani - in un ospedale di Vienna

La memoria è il ventre dello spirito, scriveva Agostino in una celebre pagina delle sue Confessioni: gioia e dolore sono il nostro cibo, ora dolce ora amaro, ma quando vengono affidati alla memoria, passano in questa specie di ventre, vi si depositano e non hanno più sapore. Eppure quel che lo scrittore svedese Steve Sem-Sandberg attinge dal «profondo pozzo del passato» con il suo ultimo romanzo documentario I prescelti (Marsilio, traduzione di Alessandra Albertari, pp. 576, euro 20) ci arriva con un sapore intollerabile, non essendo mai stato metabolizzato da quando finì nella memoria dell’umanità tra il 1940 e il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.