closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Vita e fiction dentro un piatto di tabouleh

Mostre. Nel suo ultimo lavoro, «Nation Estate», Larissa Sansour utilizza uno dei criteri costruttivi tipici di New York, come provocazione sulla questione palestinese

Una giovane donna trascina il trolley nella hall di un grattacielo, sale in ascensore: l’idea di viaggio è strettamente connessa con quella di futuro. Per Larissa Sansour (Gerusalemme Est 1973) viaggiatrice tra culture diverse - la madre è russa e il padre palestinese, ha studiato Fine Art a Copenhagen, Londra e New York, attualmente vive a Londra - il futuro riguarda sempre la Palestina. È forse lontano e apparentemente irraggiungibile, come vediamo in Nation Estate esposto negli spazi della fondazione Al-Ma’mal di Gerusalemme e, contemporaneamente, alla galleria Montoro 12 Contemporary Art di Roma (dove è visibile fino al 15 luglio),...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.