closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Visco e il post-4 marzo: la penitenza continua delle riforme

Bankitalia. No alle politiche di deficit, sì al taglio del debito. Per rassicurare i mercati l’invito a «non deviare dal percorso». Nuovi appelli a una disciplina economica contro le promesse elettorali

Il governatore di Bankitalia Ignazio Visco

Il governatore di Bankitalia Ignazio Visco

Le politiche di deficit spending annunciate in campagna elettorale sono state bocciate dal governatore della Banca d’Italia Ignazione Visco in un discorso tenuto ieri al congresso dell’Assiom Forex. L’uso elettorale della disobbedienza alla disciplina fiscale imposta ai conti italiani non piace al banchiere centrale che invia a Berlusconi e Di Maio, ma anche a tutti gli altri promettitori elettorali, un messaggio chiaro: il vangelo delle «riforme» va difeso a ogni costo perché è la premessa della «crescita». QUELLA ITALIANA (1,5% quest’anno, 1,2 nel 2019, e diminuirà successivamente) è la più bassa d’Europa. Anche in questo caso le cause di questa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.