closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Virgilio Sieni tra luoghi, corpi e comunità

Incontri. Il direttore del festival di danza contemporanea della Biennale di Venezia, racconta il suo progetto di reinventare il tradizionale rapporto tra spettatori e performance

Virgilio Sieni

Virgilio Sieni

Anticipato settimana scorsa da un prologo alle Corderie dell’Arsenale in concomitanza con l’apertura della Biennale di Architettura, il 9° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, diretto dal coreografo Virgilio Sieni, ha tutte le premesse per reinventare il tradizionale rapporto tra spettatori e performance. Si aprirà ufficialmente il 19 giugno e basta una scorsa al fittissimo calendario di proposte per immaginarsi, anche solo sulla carta, una diversificazione di percorsi possibili e personali tra campi, teatri, spazi teatrali: una città che danza da scoprire in dieci giorni, fino al 29 giugno, con un epilogo nei primi tre weekend di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi