closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Violenze scandalo, Stato israeliano assolto

La polemica. Amos Oz: i vandali antipalestinesi sono «neonazisti»

Il 10 maggio, il famoso scrittore israeliano Amos Oz ha duramente criticato I cosiddetti «attacchi price tag» messi in atto da israeliani contro palestinesi. Price tag, letteralmente l’etichetta che indica un prezzo da pagare, è la stravagante metafora utilizzata dagli stessi «etichettatori» per definire le loro azioni retributive – tra cui l’aggressione fisica, l’incendio e il danneggiamento di case palestinesi, oltre che l’imbrattamento dei muri di chiese e moschee palestinesi con scritte offensive e graffiti razzisti. Oz ha condannato queste price tag come opera di «gruppi ebraici neo-nazisti». Il giorno dopo lo scrittore ha spiegato meglio le sue dure parole:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.