closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Violenza maschile sulle donne, ricerca shock in Germania

Fondazione "Otto Brenner". Lo studio certifica le «forti distorsioni» giornalistiche e sociali sul fenomeno. Media interessati solo in caso di morte. E se c’è lo straniero. Sensazionalismi, omissioni, vittime ritraumatizzate... Tutto il contrario del giornalismo

L’ex ministra tedesca della Famiglia, Franziska Giffey, lancia una campagna contro la violenza domestica sulle donne nei supermercati

L’ex ministra tedesca della Famiglia, Franziska Giffey, lancia una campagna contro la violenza domestica sulle donne nei supermercati

Sono sempre tutti casi singoli, non è mai un problema culturale o politico, e fa davvero notizia solo se la vittima muore o c’è di mezzo lo straniero. Lo studio su «Come i media raccontano la violenza sulle donne» appena pubblicato dalla Fondazione "Otto Brenner" (l'istituto scientifico del sindacato tedesco Ig Metall) riassume il contenuto di ben 3.500 articoli sul tema declinato in titoli che spaziano dal #Me Too al femminicidio. Risultato dell'analisi: l'informazione mainstream negli ultimi quattro anni ha offerto «forti distorsioni nella rappresentazione fattuale del fenomeno». Cioè l'esatto contrario del giornalismo. IN OTTANTA PAGINE la ricercatrice Christine Meltzer...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.