closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Violenza ai migranti e minacce alle ong, il libro nero della Guardia costiera libica

«Bugie». «Fake news». «Io tengo duro». Con i soliti proclami che contraddistinguono ogni suo intervento il ministro Matteo Salvini si mostra sicuro del corretto comportamento della Guardia costiera libica, accusata da Open Arms di aver abbandonato in mare un bambino e due donne, una sola dell quali sopravvissuta. E promette di rendere nota la testimonianza di non meglio specificati «osservatori terzi» che smentirebbero le pesanti accuse della ong spagnola. Sperando che spieghino anche perché i militari libici si sarebbero allontanati portando via 158 migranti ma lasciandone in acqua tre che, se soccorsi, avrebbero potuto essere salvati. La difesa della Guardia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.