closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Violati i diritti civili di Floyd, per Chauvin un’altra incriminazione

Stati uniti. Dopo la condanna per omicidio di secondo grado, l'ex agente di polizia di Minneapolis è stato incriminato da un gran giurì per aver violato il diritto costituzionale di Floyd a non essere privato della libertà. Incriminati anche i colleghi per non averglielo impedito e per non aver soccorso l'afroamericano

In ricordo di George Floyd

In ricordo di George Floyd

Il dipartimento di Giustizia americano ha annunciato che un gran giurì federale ha incriminato per "violazioni dei diritti civili" l'ex agente Derek Chauvin e gli altri tre ex agenti di Minneapolis coinvolti nella morte di George Floyd, nel maggio 2020. Le nuove accuse significano che gli agenti potrebbero affrontare un altro processo penale di alto profilo oltre a quello che stanno affrontando a livello statale. L'annuncio è stato fatto dopo la condanna di Derek Chauvin per omicidio di secondo grado e rappresentano un'altra mossa inusuale nei confronti di funzionari delle forze dell'ordine, che raramente devono affrontare accuse penali per aver...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.